Comunicati stampa

Gentilissimi Direttore e Capo Redattore del TG1,
vi scrivo in nome dell’Associazione culturale che rappresento, la Sigea (Società Italiana di Geologia Ambientale), riconosciuta dal Ministero dell’Ambiente con D.M. 24 maggio 2005 come associazione di protezione ambientale, vi scrivo come Geologo e anche come Giornalista pubblicista (ORG Puglia).
Vi scrivo per il servizio andato in onda durante il TG1 di domenica 2 lugli o delle 13.30 a cura di Roberta Badaloni dal titolo “Professione rabdomante”. In tutti i momenti di crisi, come quello idrico che stiamo vivendo, le speranze di facili soluzioni possono offuscare la mente ...

Leggi tutto: Oggetto: Servizio “Professione rabdomante” andato in onda il 2 luglio 2017 durante il TG1 ore 13.30

Gentilissime Autorità,
la scrivente Associazione culturale Sigea (Società Italiana di Geologia Ambientale), riconosciuta dal Ministero   dell'Ambiente con D.M. 24 maggio 2005 come associazione di protezione ambientale, desidera porre l'attenzione su un argomento che in questa estate 2017 sta interessando diverse regioni italiane e milioni d'italiani: la crisi idrica.
Le nostre riflessioni nascono dalla consapevolezza, che vorremo condividere con voi) che le crisi ambientali,   sociali ed economiche in tema di risorsa idrica non si possono affrontare stagione per stagione. Questo tipo di   crisi richiedono un'attenta programmazione e pianificazione degli interventi e dei comportamenti tali da chiedere   sacrifici agli italiani) ma senza ledere il diritto all'acqua che garantisce dignità e sopravvivenza.
Sul tema importante, delicato e difficile come quello della corretta gestione delle acque) compreso il risparmio  idrico, crediamo che si debba attivare un impegno politico del Governo e del Parlamento tutto che vada oltre il  mandato elettorale. Per il benessere del Paese è necessario affrontare l'argomento prima degli eventi di crisi, altrimenti avremo pochissimo tempo per contenere i danni delle prossime siccità.

Leggi tutto: Lettera alle Autorità: Crisi idrica 2017, azioni comuni per contenere future sofferenze agli...

Gent.me e gent.mi Deputati,
la Camera si accinge a cambiare una legge fondamentale e strategica per la conservazione della natura del nostro Paese, la legge quadro sulle aree protette.
Le scriventi Associazioni sono convinte che il testo finale abbia un’impostazione ed elementi talmente pregiudizievoli da richiedere un voto finale negativo. Nel corso del confronto, sia al Senato che alla Camera, le Associazioni hanno presentato analisi, proposte, soluzioni possibili rispetto alle molteplici questioni emerse. Ebbene, tali istanze sono rimaste quasi totalmente inascoltate e ciò a causa del ruolo che la politica intende oggi assegnare ai parchi e alle aree protette: non più primari attori della conservazione della natura, nel nome di un interesse nazionale costituzionalmente sovraordinato, ma attori territoriali di concertazione in un contesto in cui l’elemento della promozione economica risulta spesso prevalente.

Leggi tutto: Oggetto: voto finale sul disegno di legge n. 4144 sulle aree protette

L’ansia per uno stadio nell’ansa di un fiume: il caso di Tor di valle a Roma.
La pericolosità idrogeologica deve rientrare tra le scelte strategiche di un Paese fragile


Le decisioni prese nei giorni scorsi e quelle che verranno prese nei prossimi giorni relative al progetto di nuove infrastrutture sportive e commerciali a servizio della città di Roma ci hanno portato a manifestare e condividere pubblicamente alcune riflessioni. Vogliamo precisare che se ci fosse un referendum a supporto della decisione se una Società sportiva debba avere un proprio stadio, noi voteremmo SI; ma nello stesso tempo non si ritiene corretta la procedura di sottoporre al giudizio dei cittadini e al loro coinvolgimento emotivo alcune scelte relative all’ubicazione dei infrastrutture importanti. Scelte che si devono basare su principi urbanistici, paesaggistici, di mobilità sostenibile e sulla assoluta assenza di pericolosità idrogeologica. E’ sulla pericolosità idrogeologica che la Sigea (Società italiana di geologia ambientale) vuole porre l’attenzione.

Leggi tutto: Comunicato Stampa: Roma, Tor di Valle 27/02/2017

PRIME RIFLESSIONI SUL TERREMOTO DEL 24-8-2016 CHE HA COLPITO IL LAZIO, LE MARCHE E L’UMBRIA


La notte del 24 agosto 2016 una scossa sismica di magnitudo 6.0 (alle 3.36 la prima forte scossa), ubicata dall'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) tra i Comuni di Accumoli e Amatrice nel Lazio, ha provocato un ennesimo disastro che ha colpito indistintamente persone, luoghi e bellezze delle “Aree Interne” del nostro bellissimo Appennino centrale.

Leggi tutto: Comunicato Stampa sisma 24/08/2016

Iscrizione Newsletter

Compila il form per iscriverti gratuitamente alla Newsletter della SIGEA
captcha 
Con la compilazione del form si acconsente al trattamento dei propri dati personali, ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n. 196, ai soli scopi istituzionali della SIGEA

Contatto rapido